Villaggio Cultura - Pentatonic. Incontro con l'autore. Domenica 4 febbraio 2018

venerdì 23 novembre 2018

Passaggi


Oggi si stende l’inverno
tra il cielo e la terra, e io
come una bambina distratta
attraverso  passaggi, margini
e fuliggini che smemorano
sull’intonaco  scrostato.           
Eravate e non vi conoscevo.
Restate come nebbia tra i rami
scabri dell’albuccio, tremori di foglie
che sospendono il corso del giorno.








martedì 6 novembre 2018

Selezione di mie poesie su Perigeion

Perigeion ospita una selezione di mie poesie dalla raccolta Tutto e ogni singola cosa.
Sono grata e onorata dell'attenzione.

"Metafore di pietra": pietra miliare della svolta, pietra angolare della rocca, salda e preziosa torre d'avorio, il luogo del ritrovo e della ricostituzione del sé

METAFORE DI PIETRA

Genero metafore di pietra,
roccaforti a spigolo vivo,
oltre strali di parole che trapassano
come lame taglienti i miei pensieri-
­residui di avidità – prigionieri
di una cupa estranea accidia.

Abito nella mia torre d’avorio,
fortezza eletta al mio sentire,
solitudine arroccata dove lascio
aditi dischiusi ad intuire
destini di umanità contrassegnati
da composti tormenti di passioni.
 
Il resto qui


 
Foto mia


 

venerdì 2 novembre 2018

Madre d'incanto


Come Demetra Proserpina nell’Ade
ti penso mia città, volto disfatto.
M’hai abitata di bellezza e luce
balsamo i marosi nel libeccio,
le albe estive, i basoli, le mura,
le arcate del tempio che ti svelano
nell’abbraccio azzurro degli dei,
proda di miti, viaggiatori, eroi,
terra percorsa da briganti e poeti.
Come Demetra sull’infera soglia,
a questo inatteso annuncio d’inverno,
dispongo ai canti del cuore le memorie.
Arriverà una nuova primavera
avrai forma mutata, volto nuovo,
madre d’incanto,
signora dei tramonti.


 Terracina: vista del tempio di Giove Anxur dalla spiaggia di levante e 
vista della spiaggia di ponente e del Circeo da una terrazza del tempio. Foto mie.









venerdì 19 ottobre 2018

L'autunno è in me


L’autunno è in me
un predisporsi all’ombra della sera
il silenzio in ascolto dietro i fiati
mentre lo sguardo vaga senza presa
e io mi disperdo in caduta
tra i tratti d’inchiostro
e tra le pieghe
d’un libro avuto in dono.
L’autunno è in me
in questa dispersione
che stesa al suolo attende.


 Hiroshige Utagawa, Wind blown grassa across the moon


mercoledì 10 ottobre 2018

Invito al silenzio


Lasciamo che quieto nel giorno
si stenda sui passi il silenzio,
che lievemente sulle voci scenda,
e intorno al tonfo del sasso
dissolva il cerchio dell’onda
nello specchio lucente d’acqua chiara:
arriveranno a noi i fruscii
delle fronde, delle foglie voltate
che il vento solleva nel viale,
ogni volo, ogni battito d’ali
l’armonia della pioggia sul vetro
il rombare dei nembi ora foschi
ora diafani
che tra i raggi
svaporano al sereno;
come calma di neve il lucore
che feconda il pensiero. 


foto mia