Un nuovo spazio sul blog.

Un nuovo spazio sul mio blog: “Le parole dell’Altro. Spazio per scritti di altri autori”, lo trovate nella barra laterale destra. Dei contenuti e della loro presentazione sono responsabili gli autori. Inviatemi, se volete, un testo, o un link, e un’immagine: l’indirizzo mail è in alto a destra. Nella scelta dell’immagine, dalla quale si linka allo scritto, vi chiedo di avere l'accortezza di considerare che il blog è uno spazio pubblico. Come amministratore mi riservo di pubblicare solo ciò che ritengo idoneo agli ambiti e alle caratteristiche del blog.

Cristina Polli

19 luglio 2017

domenica 15 febbraio 2015

Anche la sera è un inizio...

Tardi ci ha incontrato la sera

Tardi ci ha incontrato la sera
Gravati di vita trascorsa
Di là dai pensieri più veri
Dai rovi dei nostri sentieri
Ci ha dato paesaggi di gesti
E parole in cui risiedere .
Tardi ci incontra la sera
A  guardare la luna mentre fumi
O nubi placate che vestono   
Trasognati silenzi d’amore. 
  

La settimana dell'amore, una iniziativa del blog La presenza di Erato , è finita ieri. Abbiamo attraversato la letteratura italiana  nei secoli e condiviso le nostre poesie nate da varie ispirazioni, dai nostri vari mondi. 
Per quanto il tema possa essere scivoloso e possa richiamare scherno e parodia che spesso traducono imbarazzi e paure, per quanto possa attrarre la densità del vuoto, la parola della negazione, il sentimento dell’odio, vale sempre la pena, a mio parere, “ragionar d’amore”. Ed è l’amore stesso, nelle sue varie forme che ha il potere di prenderci per incantamento, di trasformare l’esperienza del vivere e del sentire, di donarci una nuova e più profonda intelligenza.
Lasciarsi prendere è un atto di coraggio e di resistenza: non cedere all’indegnità del male, del brutto, dell’ovvio. E c’è sempre un momento per iniziare, anzi, il più delle volte accade che, inavvertitamente, senza forme preconfezionate, l’inizio sia già una storia che cerca spazio per nuovi riti.
Rimando qui a uno scritto apparso tempo fa su filosofi per caso che è stato per me di grande significato perché in esso ho registrato la mia emancipazione da una quotidianità asfittica che produceva solo nuovi incasellamenti. La spinta per distaccarmene è arrivata congiuntamente dalla lettura e da una ricerca di congiunzione tra il vivere e il sentire. Dedico questo scritto a chiunque abbia voglia di un nuovo inizio e a me che continuo,  in grazia d’amore, a iniziare ogni giorno. 


Cayetano de Aruer Buigas



Nessun commento:

Posta un commento